Da quanto sembra, affermato dal vice presidente Lauren Berkowitz, i primi dati relativi alle vendite sono più che soddisfacenti, con incrementi addirittura del 272%. Tra le ipotesi c'è anche quella che l'avvento della musica online legale abbia dato un'accelerazione alla sostituzione della musica 'fisica' con quella digitale.

Non sono molto d’accordo con quest’ultima affermazione, personalmente sono uno di quelli a cui piace acquistare il cd originale dei propri gruppi preferiti, sia per la qualità del prodotto sia per il gusto di avere tra le mani il booklet, con i testi, le note, le foto e quel profumo della carta che ha un so che……

Resta il fatto che per un vero appassionato di musica a cui magari piacciono svariati gruppi e svariati generi musicali, l’acquisto di supporti originali rappresenti ormai un vero “investimento” e chiaramente non sostenibile per tutti, se consideriamo poi che nel prezzo complessivo di un disco una grossa fetta vada alla pubblicità (i gruppi famosi costano sempre di più: chi ricorda tempo fa un adesivo con scritto pubblicità tv o qualcosa di simile che giustificava un ulteriore sovraprezzo?) e all’IVA che contrariamente a quanto avviene coi libri è più alta?

La musica digitale potrebbe rappresentare un’alternativa ma se non si è liberi di farsi un cd da sentire in macchina, o di spostare le canzoni dal pc ad un lettore mp3 o di far sentire un nuovo gruppo ad un nostro amico come si pretende che la gente si butti ad acquistare legalmente su internet?

E che non mi si venga a parlare dei compensi per gli autori perché sappiamo benissimo quanti soldi vadano a loro per ogni singolo brano venduto; o che bisogna coprire i costi…. Quali? Sappiamo tutti quanto costa vendere on line oppure stampare e incidere un cd.

Se si vuole diffondere la musica e considerarla cultura, amio modesto parere, non è questa la strada. Se poi l’unica cosa che conta è il denaro allora non ci venite a dire di non usare emule……..


Maggiori ragguagli su:

http://www.newsmobile.it/notizia/07,06,21,0049358-1.htm


punto-informatico.it/p.aspx

Recent topics

Creative Commons License All DarkForge.it and ValerioCipriani.com contents are published according to Creative Common License, except different instructions. The Staff is not responsible of eventually guide, article and publishing mistakes. All published items are patent free. All trade marks reported are right reserved. Contact us, Info.